CECCO ANGIOLIERI

La poesia giocosa di uno scrittore senese del 1200.Uno dei suoi sonetti pi celebri: s'io fssi fco.Ascoltiamo la puntata e uniamoci alle grasse risate di chi, durante le veglie trascorse a bere alla taverna, ascoltavacomponimenti di questo genere, scritti da poeti come Cecco, bonari e goderecci, che amavanodenunciarei mali della vita e della societ con la satira dei loro versi in rima.La lettura di Vittorio Gassman.

aiuto link rotto abuso

Attendi mentre vieni rediretto verso una risorsa esterna...

Se il tuo browser non ti redireziona entro 5 secondi clicca qui se non vuoi attendere. Se il link non funziona riprova più tardi oppure segnalacelo.